Professione Candidato

Il "mestiere" di cercare lavoro

Scritto il: lunedì, 7 novembre 2011 - 14:04:56

All you need is web_2

Secondo rilancio da Propostalavoro, con alcuni suggerimenti per il "piano di risanamento" delle cui perle siamo tutti in attesa.

A dire il vero i suggerimenti sono quattro; io ho scelto i due che seguono il filo dei miei pensieri di questi giorni. Gli altri due toccano "temini" da niente, quali l'appetibilità economica di un Paese ad altissimo tasso di corruzione aziendale (e politica) e il ruolo cruciale svolto dalla Scuola, dall'Istruzione, nel promuovere e sostenere la competitività economica di una Nazione nello scacchiere internazionale... terreno quantomai minato, visto il fuoco incrociato di cui la Scuola pubblica è fatta bersaglio, in un'opera di progressivo depauperamento e svalorizzazione, persino "materiale", del suo ruolo.

"Limitandoci" al solo discorso dell'aggiornamento informatico e delle sue reali e immediate ricadute economiche, giriamo.

Qual è il piano?

di Danilo Sanna

Qual è il piano?

E’ quello che probabilmente ci chiediamo tutti: qual è il piano per uscire dalla crisi? Nessuno ha ancora dato una risposta sensata, a parte i soliti vedremo, provvederemo, stiamo valutando, che tradotti dal politichese vogliono dire: “non abbiamo la più pallida idea di cosa fare“. L’Europa, dal canto suo, aspetta ancora idee e proposte credibili (non promesse e/o barzellette) per non abbandonarci ad un destino simile a quello della Grecia. Bè, ecco allora un paio di suggerimenti:

 

1. Google ha annunciato l’ipotesi di avviare anche in Europa la sperimentazione sulla banda larghissima (quella da 1 gb/s di velocità): sarebbe opportuno che l’Italia proponesse alla società di Mountain View la propria candidatura. Delle possibilità economiche della rete abbiamo già parlato e l’impulso a tutta l’economia italiana sarebbe enorme.

3. Migliorare e snellire la burocrazia. Si sa che file agli sportelli e carte bollate equivalgono ad enormi perdite di tempo e denaro, problema cui si può ovviare con l’e-government. Peccato che da anni si parli, senza che venga fatto granchè, di sportello digitale, di moduli online, di certificati digitali. I risultati, a parte qualche caso, sono stati piuttosto scarsi e molte amministrazioni locali faticano ad abbandonare le carte bollate, tanto che, nel 2010, solo il 22,7% degli italiani ha dialogato con la Pubblica Amministrazione via web. Cosa che, tra l’altro, risulta piuttosto difficile nel Paese dove il 50% degli over 40 sono analfabeti digitali.

www.propostalavoro.com/crisi-e-cambiamento/quale-il-piano

... "il 50% degli over 40 sono analfabeti digitali". Ohmamma... Over quanto? Mi auguro un bel po'. Perché, se no, cari i miei quasi coetanei, si tratta davvero di un bel problema...

Intendiamoci, sono convinta anch'io dell'importanza delle economie locali, credo alle piccole produzioni, sostengo le filiere brevi... so quanto è difficile trovare un idraulico o un falegname! Tutto vero...

Però, se di grandi numeri vogliamo parlare (e quelli della disoccupazione in Italia lo sono), è altrove che dobbiamo spostare il discorso...