Professione Candidato

Il "mestiere" di cercare lavoro

Scritto il: venerdì, 18 novembre 2011 - 11:37:50

Giu' la maschera!

Rullo di tamburi!! A pochissimi giorni dall'insediamento del nuovo Governo, già si parla di cambiare le regole del mercato del lavoro per eliminarne quella dualità che, meglio di chiunque, ha definito Pietro Ichino.

In sintesi, secondo Monti, approdo graduale ma deciso alla flex-security di ispirazione scandinava, proposta in versione italiana proprio dal giurista milanese Ichino: tutti a tempo indeterminato, licenziamenti elastici nel primo periodo di tempo (variabile da 18 mesi a 3 anni...) dopodiché, stesse tutele per tutti (quelle di oggi, che "non verranno toccate") e autentico sostegno al reddito nei periodi "interinali" tra un lavoro e l'altro, dentro un mercato genericamente molto più mobile ed elastico per tutti.

Con due risultati:

1) eliminare la prima discriminazione, ovvero quella tra lavoratori ipertutelati e altri che non lo sono per nulla, che valgono zero!

2) sancire la vera natura - ovvero quella di lavoro assimilabile a quello DIPENDENTE - di quasi tutti i contratti atipici e anche di quelle "libere professioni" dietro cui si celano sostanzialmente lavoratori deboli, privi di qualsiasi garanzia e tutela.

Sembrerebbe un sogno. Il sogno della semplicità.