Professione Candidato

Il "mestiere" di cercare lavoro

Scritto il: mercoledì, 5 dicembre 2012 - 15:43:00

Twitter, il passaparola 2.0. per cercare lavoro

Adesso che anche il Papa ha un account su Twitter, non c’è santo che tenga (scusate, ma qui fare ironia è proprio facile…). Il social network ‘dei cinguettii’, dove ci si esprime concentrando tutto in 140 caratteri, è diventato talmente diffuso e utilizzato da chiunque, che può trasformarsi persino in strumento per cercare lavoro.
Impossibile raccontare tutte le precedenti esperienze lavorative, o il percorso scolastico, o le aspettative, in così poco spazio, certo. Ma si può sempre lanciare un sasso nello stagno…

Soprattutto perché Twitter permette di ‘arrivare’ direttamente a tantissime persone, aziende, associazioni, senza passare dalla segreteria. E’ possibile infatti inviare un tweet direttamente a Flavio Briatore o al Ministro all’Ambiente Corrado Clini o alla Samsung (tanto per dirne alcuni a caso), con qualche parola che faccia sapere che lavoro state cercando, magari non impietosendo, ma cercando di essere accattivanti. Poco probabile che vi invitino subito per sostenere un colloquio, siamo realisti. Ma le potenzialità di questo strumento di comunicazione sono talmente tante, ed anche imprevedibili, che vale la pena sfruttarle.

Altra strategia per far sapere che cercate lavoro è quello di inserire gli hashtag nelle parole chiave, così da poter essere trovati da tutti gli utenti che faranno una ricerca dei tweet partendo da quelle parole. O ancora c’è la possibilità che i vostri followers (coloro che seguono la vostra attività sul social network) vi ‘retwitti’, cioè renda pubblico anche a suoi contatti il vostro cinguettio. In questo modo la voce si diffonde, non si sa ma che arrivi proprio dove vorreste.

Seguendo invece gli account di aziende e società di ricerca di personale e simili si può rimanere sempre informati su eventuali posizioni aperte o novità sul mondo del lavoro.

C’è un recente articolo sul Corriere.it dove potete trovare un po’ di consigli su come scrivere il curriculum in 140 caratteri e le tecniche di diffusione del messaggio.

Visto che il passaparola resta sempre uno dei modi più efficaci per trovare lavoro, proviamo ad utilizzare anche il passaparola 2.0.

Sabrina Maio